Torta salata con fagiolini

Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
Torta salata con fagiolini
Photo credits:
Preparazione 50 min
Difficoltà Facile
Porzioni 6
Costo Basso

Presentazione

La torta salata con fagiolini è un rustico molto saporito, realizzato con un ortaggio che generalmente si consuma bollito o all'interno di insalate fresche estive.

La base friabile è di pasta brisé, abbastanza semplice da preparare in casa, con pochi ingredienti, quali farina, burro e acqua, che sicuramente abbiamo nelle nostre dispense.
Se proprio siamo di fretta possiamo sempre ricorrere a quella già pronta, venduta in comodi rotoli in tutti i supermercati.
Il ripieno è invece molto cremoso, realizzato con i fagiolini uniti ad un composto di uova, latte, ricotta e yogurt, arricchito da parmigiano e zafferano.
Una torta salata un po' diversa dal solito, gustosa e genuina che conquisterà tutta la famiglia.

Perfetta da gustare a pranzo o cena, possiamo offrirla tagliata a fettine per un aperitivo sfizioso oppure prepararla per un pic-nic o un buffet all'aria aperta.
Cucianiamo insieme la torta salata con fagiolini!

Categoria: Torte salate

PER LA PASTA BRISÉ
250 g di farina 00
100 g di burro
60 ml di acqua
1 pizzico di sale
PER IL RIPIENO
500 g di fagiolini freschi
3 uova
200 g di ricotta
125 g di yogurt bianco
100 ml di latte
1 bustina di zafferano in polvere
100 g di parmigiano grattugiato
q.b. sale

Preparazione

Come fare la Torta salata con fagiolini

Prima di tutto laviamo i fagiolini sotto l'acqua corrente, per eliminare eventuali impurità e residui di terra, poi procediamo a spuntarli.
Facciamo bollire la verdura in abbondante acqua salata, per 8-10 minuti, dopodiché scoliamoli e lasciamoli asciugare appoggiati a qualche foglio di carta assorbente da cucina.

Iniziamo la preparazione della pasta brisé.
In una ciotola, versiamo la farina, il sale e il burro a temperatura ambiente tagliato a pezzetti.
Aiutandoci con i polpastrelli, lavoriamo i due ingredienti sbriciolando il burro e amalgamandolo con la parte in polvere.
Aggiungiamo lentamente l'acqua al composto granuloso e lavoriamo l'impasto finché non otteniamo una palla compatta. Avvolgiamola con un foglio di pellicola trasparente e facciamola rassodare in frigorifero per 30 minuti circa.

Nell'attesa, prepariamo il ripieno: sbattiamo le uova e aggiungiamo man mano lo yogurt, la ricotta, il latte e lo zafferano in polvere, sbattendo il tutto con una frusta elettrica o con una semplice forchetta. In ultimo, uniamo nella boule anche il parmigiano grattugiato.

Riprendiamo la pasta brisé e stendiamola sopra un foglio di carta da forno con il mattarello cercando di darle una forma circolare.
Il composto è talmente morbido ed elastico che si può anche lavorare con i palmi delle mani.
Trasferiamo la pasta su uno stampo da 26 cm di diametro, mantenendo la carta da forno sotto, e facciamo aderire per bene, bucherellando la superficie con i rebbi di una forchetta.

Versiamo la crema di formaggio, una parte dei fagiolini bolliti e ancora della crema. Sistemiamo la parte rimanente della verdura a raggiera, in modo da decorare il rustico.
Cuociamo in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti circa.

Trascorso il tempo di cottura, facciamo intiepidire e tagliamo la torta, servendola con un ciuffo di ricotta o di formaggio fresco spalmabile.

Consigli

Per un gusto più deciso e saporito, sostituiamo il parmigiano con del caprino, della provola affumicata, del pecorino romano o della ricotta salata.

Per quale occasione

Questa preparazione è l'ideale per uno sfizioso antipasto e per arricchire l'aperitivo a buffet, per un pic-nic primaverile o un brunch, una colazione di rinforzo o la merenda durante una gita domenicale fuori porta.
È un rustico versatile che si può consumare anche come primo o secondo piatto, durante una cena con gli amici o in famiglia.
Piace molto ai bambini ed è una valida alternativa per avvicinare i più piccoli al consumo della verdura.

Vino da abbinare

Il vino ideale per questa torta salata con fagiolini è un bianco aromatico, come ad esempio il Colomba Platino o il Berlucchi Satèn.