Come fare il ragù d'agnello

Il ragù è un preparato a base di carne utilizzato per accompagnare piatti solitamente di pasta.
In tutta Italia è molto conosciuto il ragù di vitello, con il quale si preparano piatti di tagliatelle, magari fatte in casa, lasagne, cannelloni e ripieni per gli arancini.
Pochi invece conoscono il ragù di agnello, diffuso quasi esclusivamente nel centro Italia in particolare in Abruzzo e Marche.
Eppure l'agnello è il piatto tipico delle feste pasquali ormai alle porte.
Diversi i modi di prepararlo: alla brace, utilizzando solo le costolette, ripieno e, utilizzando la spalla, anche tritato come ragù appunto.
La preparazione è lunga e laboriosa, ma è il solo modo per apprezzare al meglio la carne di questo ovino.
L'agnello si distingue per la carne tenera e dal basso contenuto di grassi e solitamente la macellazione avviene prima dei 2/6 mesi di vita, l'abbacchio invece è un tipo di agnello alimentato solo a latte materno, e non va oltre le 4 settimane di vita, la sua carne è tenerissima.
La carne di agnello è indicata a tutte le persone per la sua facile digeribilità, tuttavia devono fare attenzione quelle persone che soffrono di gotta o di disturbi renali e allo stomaco.

Come preparare un buon ragù


Per prima cosa procuratevi almeno 600 g di carne di agnello tritata, carote, sedano, cipolla e brodo di carne sono gli altri ingredienti fondamentali.
Ricordate che la carne di agnello è più grassa rispetto alla carne di vitello quindi non serve aggiungere lardo o pancetta.
1. Pulite bene le verdure e fatene un trito, fatele saltare con un po' di olio d'oliva e unite la carne trita facendo rosolare anch'essa.
2. Aggiungere vino rosso e farlo sfumare, mettere il pomodoro e lasciar cuocere per circa 2 ore e mezze.
Ogni tanto bagnate con del brodo caldo per evitare che la carne asciughi troppo.
Se aggiungerete un pezzetto di agnello con osso, il ragù risulterà più saporito.
3. scegliete il tipo di pasta che volete condire (l'ideale sono tipi di pasta lunga)e al momento di impiattare guarnite con un trito di erbe aromatiche come timo, rosmarino e una spolverata di pecorino gratuggato.

 

Caratteristiche e consigli


Il ragù di agnello è un piatto versatile che può accompagnare la pasta, i tortelli, le tagliatelle e perché no... anche secondi piatti come sughetto da aggiungere alla polenta, immancabile companatico sulle tavole del nord Italia.
Rispetto al tradizionale di vitello, mostra un carattere più deciso e un sapore più pungente, inoltre potrete uscire dalla classicità senza spendere una fortuna, infatti l'agnello era considerato un piatto dei contadini, oggigiorno invece sta avendo una notevole rivalutazione, come è giusto che sia.

 

Ti è piaciuta la ricetta?