Insalata di polpo

Preparazione 60 min
Difficoltà Facile
Porzioni 2
Costo Basso

Presentazione

L'insalata di polpo è sicuramente l'insalata di pesce più conosciuta: è la classica "insalata di mare" servita in tutti i ristoranti ed è davvero leggera.
La preparazione richiede qualche minuto, a dire il vero, ma il risultato vale la pena di spendere un po' di tempo ai fornelli.

Categoria: Antipasti

700 g di polpo
1 carota
1 sedano
q.b. foglie di prezzemolo
q.b. alloro
3 limoni abbastanza grandi
q.b. sale e olio
q.b. spicchi d'aglio (facolatativi)
1 cipolla

Preparazione

Prima di tutto bisogna pulire il polpo: togliete il becco, l'occhio e l'intestino.
In una pentola mettete dell'acqua, il sale, le foglie di alloro, la carota (intera o a cubetti) e mezza cipolla.
Quando l'acqua bolle possiamo aggiungere il polpo e facciamolo cuocere per una mezz'oretta (30 minuti basteranno ma la cottura può proseguire anche cinque minuti in più).
A cottura terminata scolatelo e adagiatelo su un tagliere per farlo raffreddare.
Nel frattempo possiamo prepara il condimento della nostra insalata.
In un piccolo contenitore mettiamo abbondante olio e spremiamo i tre limoni, un pizzico di sale e pepe.
A parte trituriamo il prezzemolo insieme agli spicchi di aglio (facolatativi) e incorporiamo nel nostro "succo".
Torniamo al polpo che sarà ormai sufficientemente freddo: procediamo con la realizzazione di cubetti aiutandoci con un coltello da pane.
Adagiamo il pesce in una insalatiera e versiamo il condimento precedentemente preparato.
Mescoliamo per bene e facciamo riposare per circa 10 minuti (in modo da insaporire tutti i cubetti).

Consigli

Per questa ricetta è meglio usare un polpo fresco e non surgelato, recatevi dal vostro pescivendolo di fiducia e controllate la qualità del prodotto, è noto ormai a tutti che la "bontà" di un piatto (specie se al sapore di mare) dipende dalla qualità degli ingredienti di base quindi, più la materia prima è fresca più i sapori esalteranno il palato.

Suggerimenti

Quando lasciate riposare il polpo adagiatelo su una superficie di marmo in modo da velocizzare gli scambi di calore, in questo modo si raffredderà prima.
Servite in una insalatiera bianca e non trasparente, il bianco dona eleganza in tutti i campi, specie a tavola.

Vino da abbinare

Vino rigorosamente bianco: si può scegliere un vinello secco o dolce (come la Malvasia) ma di certo non il rosso, troppo pesante e il contrasto limone-vino potrebbe rovinare il gusto risultando sgradevole per il palato.

Ti è piaciuta la ricetta?

Vota la ricetta!