Pastiera di riso

Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
Pastiera di riso
Photo credits:
Preparazione 180 min
Difficoltà Facile
Porzioni 8
Costo Basso

Presentazione

La pastiera di riso è una deliziosa versione senza glutine della classica pastiera napoletana, tradizionalmente farcita con un impasto cremoso di ricotta e grano.

La ricetta della pastiera di riso, oltre a essere buona quanto l'originale, è adatta a tutti i celiaci; è realizzata con una pasta frolla di farina di riso e di mais, farcita con un morbido ripieno a base di riso cotto nel latte, ricotta, zucchero e uova.

Non contenendo glutine, occorre prestare una particolare attenzione alla lavorazione, in quanto la pasta frolla risulta un po' meno elastica e più fragile.

Un dolce perfetta da preparare in occasione di un pranzo in famiglia, specialmente durante le festività pasquali.
Scopriamo insieme come fare questa deliziosa pastiera di riso!

Categoria: Dolci

<em> PER LA PASTA FROLLA </em> PER LA PASTA FROLLA
farina 120 g di farina di riso
farina 80 g di farina di mais
burro 120 g di burro
zucchero 100 g di zucchero semolato
uovo 1 uovo
bicarbonato di sodio 1 pizzico di bicarbonato
limone la scorza grattugiata di 1 limone
<em> PER LA FARCITURA </em> PER LA FARCITURA
latte 500 g di latte
burro 50 g di burro
ricotta 250 g di ricotta romana
riso 150 g di riso
zucchero 250 g di zucchero semolato
uovo 3 uova
Acqua q.b. acqua millefiori
limone la scorza di 1 limone
q.b. essenza di vaniglia q.b. essenza di vaniglia
cannella q.b. cannella

Preparazione

Per preparare la pastiera di riso, dobbiamo innanzitutto realizzare la pasta frolla senza glutine.
Versiamo in una boule capiente la farina di mais e aggiungiamo il burro freddo tagliato a tocchetti. Mescoliamo questi due ingredienti con una frusta elettrica, fino a ottenere una crema dall'aspetto omogeneo.
A questa, uniamo un uovo interno, lo zucchero e un pizzico di bicarbonato. Continuiamo a lavorare l'impasto, dopodiché aggiungiamo la scorza grattugiata di un limone e infine la farina di riso setacciata.

Trasferiamo l'impasto su una spianatoia e lavoriamolo velocemente con le mani, fino ad ottenere un panetto liscio e morbido. Avvolgiamolo con un foglio di pellicola trasparente e riponiamolo a riposare in frigorifero per circa un'ora.

Nel frattempo, procediamo con la preparazione del ripieno.
Sciogliamo all'interno di una casseruola il burro, aggiungiamo il latte e mescoliamo. Uniamo l'acqua millefiori e la buccia intera di un limone non trattato. 

Aggiungiamo al latte 100 g di zucchero, mescoliamo e portiamo a bollore. A questo punto, uniamo il riso e lasciamolo cuocere per almeno 30 minuti, finché non avrà assorbito totalmente il latte e risulterà quasi cremoso. Terminata la cottura del riso, rimuoviamo la buccia del limone e lasciamolo raffreddare. 

Mentre il riso cuoce, prepariamo il resto del ripieno, versando in una ciotola i restanti 150 g di zucchero semolato. Aggiungiamo la ricotta, le uova intere e mescoliamo fino a ottenere una crema liscia. Profumiamola con l'essenza di vaniglia e una spolverata di cannella.

Versiamo il riso intiepidito nella crema di uova e ricotta, mescoliamo l'impasto e mettiamolo da parte.
Dedichiamoci ora alla preparazione della pasta frolla senza glutine, stendendola su un piano di lavoro leggermente infarinato, fino a uno spessore di 3-4 mm.
Trasferiamola in uno stampo rotondo dal diametro di 24 cm, facendola aderire bene ai bordi ed eliminando l'eccesso.

Bucherelliamo la base con i rebbi di una forchetta e farciamo la pasta frolla con l'impasto di ricotta e riso preparato poco prima.
Con la pasta avanzata realizziamo delle strisce che utilizziamo per creare la classica griglia, simile a quella di una crostata.

Cuociamo la pastiera di riso nel forno statico preriscaldato a 180° per 60 minuti, dopodiché sforniamola e lasciamola raffreddare completamente prima di servirla.

Consigli

Per rendere ancor più golosa la pastiera di riso, una volta fredda possiamo spolverarla con dello zucchero a velo.

È un dolce che si conserva in frigorifero fino a una settimana.

Per quale occasione

Un dolce da offrire a fine pasto, sopratutto durante le festività pasquali.