Come montare la panna perfettamente

Come montare la panna perfettamente
Photo credits:

Montare la panna in modo perfetto non è una impresa facile: ecco una mini guida, con trucchi e consigli, per incrementare le proprie abilità in cucina e diventare pasticceri provetti. 

Usare utensili freddi

In primis per montare la panna in modo perfetto bisogna usare panna fredda, appena estratta dal frigorifero. Prima di iniziare a lavorare la panna è consigliabile riporre le fruste e la bacinelle in frigorifero o in freezer per almeno 15 minuti.
È importante poi utilizzare ciotole di metallo e non di plastica.

Lavorare in un ambiente fresco facilita le cose. In alternativa si possono mantenere gli strumenti a bassa temperature adottando altri piccoli accorgimenti. Per tenere la ciotola al fresco, ad esempio, si possono utilizzare due ciotole differenti, una più grande dell'altra. Basta prendere la ciotola con la panna e inserirla in una ciotola più capiente contenente acqua fredda e ghiaccio.
Tale soluzione può essere adottata durante le calde giornate estive quando la temperatura dentro casa o dentro il proprio laboratorio di pasticceria supera i 25 gradi. 

Altro consiglio utile? Se si usa il cucchiaio e non si ricorre alle fruste elettriche ci si deve ricordare di girare il mestolo sempre nello stesso verso. 

Montare la panna: tempi e consigli

Per alcuni dolci servirà una panna leggermente meno soda e più lucida, per altri una panna più compatta. Una panna semi montata, ad esempio, servirà per realizzare ottimi semifreddi. Una panna più compatta, invece, per decorare le torte. 

Come riconoscere se la panna è stata montata in modo giusto?

In primis il cucchiaio che utilizziamo deve rimanere dritto in piedi e non cadere né da un lato, né dall'altro. In alternativa se girando la ciotola la panna resta attaccata alle pareti possiamo essere sicuri di aver fatto un buon lavoro. 
Al contrario la panna è troppo montata quando inizia a dividersi e a rilasciare liquido in eccesso. 
Se si prolungano troppo i tempi di montantura della panna può succedere che questa si trasformi in burro. Lasciando la panna impazzita chiusa in un canovaccio di lino, così che perda tutti i liquidi in eccesso, si ottiene dell'ottimo burro che si può aromatizzare a seconda del proprio gusto, con spezie o frutta secca. 

La panna si smonta? Ecco alcuni consigli

Come si fa a non smontare la panna quando la si deve aggiungere ad altri composti? Cosa si deve fare, ad esempio, se la si deve incorporare alle uova sbattute con lo zucchero? Bisogna unire i due composti con molta delicatezza ed estrema attenzione preoccupandosi di mescolare il tutto sempre dal basso verso l'alto. L'operazione è abbastanza complicata e non va sottovalutata anche perché in pochissimo tempo si rischia di vanificare l'ottimo lavoro fatto in precedenza. 

Gli esperti pasticceri consigliano di conservare la panna montata in frigorifero all'interno di un contenitore con chiusura ermetica non oltre le ventiquattro ore. Nonostante si adottino tutte le precauzioni del caso è bene non lasciare che passi troppo tempo dalla fase legata alla preparazione della panna montanta al suo utilizzo in altre ricette. 
Oltretutto la panna non rimarrà montanta alla perfezione. Chiusa nel contenitore, all'interno del frigo, tenderà a smontarsi leggermente e a rilasciare una piccola quantità di liquido.

Ti è piaciuta la ricetta?