Susina, caratteristiche e proprietà

Susina, caratteristiche e proprietà
Photo credits:

Arrivata in Europa circa 20.000 anni fa dall'Asia e dal Nord America, la susina è uno dei frutti estivi più amati al mondo.
La susina, detta anche prugna (anche se spesso con questo termine si indica il frutto essicato) giunge a maturazione tra giugno e settembre

Esistono però vari tipi di susine appartenenti ad zone geografiche diverse; possiamo catalogarle in due macro aeree: da un lato vi sono le susine euro-asiatiche, dall'altro le susine cino-giapponesi
I maggiori produttori di susine al mondo sono la California, la Cina e la Russia, mentre in Italia, le troviamo soprattutto in cinque regioni, Emilia Romagna, Campania, Marche, Piemonte e Trentino Alto Adige.

La varietà euro-asiatica si riconosce per la naturale forma ovoidale e presenta il nocciolo staccato dalla polpa; quelle cino-giapponesi sono riconoscibili perché hanno una forma più arrotondata, il nocciolo aderisce alla polpa e sono molto succose.

La buccia assume colorazioni che vanno dal blu-violaceo al rosso oppure giall-verde e la polpa in generale è sui toni del giallo-verdastra o tendente al rosa in alcuni casi.

Proprietà nutrizionali e benefici della susina

In 100 grammi di susine vi sono circa 35 calorie, 85.5 grammi di acqua, 0.5 grammi di proteine e solo 0.1 grammi di grassi.
La quantità d'acqua aumenta nelle susine gialle o rosse. In questo frutto sono contenute, però, numerose sostanze benefiche come la vitamina A che è un potente antiossidante, il potassio, ma anche una sostanza chaiamata difenilsatina che aiuta a stimolare l'intestino e a combattere la stipsi. Oltre a ciò vi sono anche la vitamina B e la vitamina C, il magnesio, il calcio ed il fosforo e numerose fibre. 

Questo frutto tipicamente estivo è un potente lassativo: il consumo di susine fresche o di prugne secche apporta all'organismo umano un certo quantitativo di fibre pronte a combattere l'intestino pigro e ad aiutare la quotidiana regolarità. Il loro beneficio nei confronti dell'intestino è più intenso se le si assume alla mattina, a stomaco vuoto, ancor prima di fare colazione. 
A questa proprietà, grazie alla presenza delle fibre, si associa una spiccata capacità di abbassare lo zucchero nel sangue e quindi andare a contrastare l'azione negativa del colestoreolo cattivo. 

Grazie alla presenza di numerosi minerali le susine sono frutti riminalizzanti ed energizzanti che vengono consigliati dai medici nella dieta quotidiana di chi soffre di anemia o astenia. Come se non bastasse le susine aiutano a contrastare la disidratazione grazie all'alto contenuto di acqua, ma anche a reintegrare, nel corpo, i sali minerali persi con la sudorazione.
Calcio e fosforo, contenuti nelle susine, aiutano le ossa e i denti rendendolo più forti, mentre grazie ad altre sostanze perfino la nostra pelle trova giovamento venendo protetta dai raggi ultravioletti. 

Utilizzi in cucina

Le susine sono un vero toccasana e in cucina vengono utilizzate per la realizzazione di diversi piatti, ma spopolano soprattutto nei dolci e nei dessert, anche se non mancano le ricette che le abbinano a secondi di carne per insaporire il maiale o le inseriscono in gustosissimi risotti.
Le susine possono essere l'ingrediente principale per la preparazione di marmellate e gelatine, ma anche per torte soffici e plumcake da gustare a colazione o per una merenda genuina.
Le susine fresche, invece, sono ottime all'interno di macedonie di frutta o frullati freschi. Se associate a melone ed albicocche possono essere utilizzate per la preparazione di un frullato altamente salutare da bere con regolarità per disintossicare l'organismo e depurarlo.

Leggi i nostri consigli e scopri tutte le nostre ricette con le susine!

Ti è piaciuta la ricetta?