Rabaton

Rabaton
Photo credits:
Preparazione 45 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Basso

Presentazione

I rabaton sono un piatto tipico della tradizione culinaria del Piemonte, nello specifico della città di Alessandria.

Si tratta di un primo piatto vegetariano preparato secondo la tradizione con un impasto di erbe selvatiche, spesso sostituite con bietole o spinaci, ricotta, uova e parmigiano, insaporito con maggiorana e noce moscata.

Per la loro preparazione sono previste due cotture, una in acqua salata e una in forno.

L'aspetto è simile a gnocchi allungati e sottili: il loro nome deriva da un termine dialettale che significa "arrotolare" proprio per indicare la modalità con cui vengono realizzati.

Scopriamo insieme, con le spiegazioni dei vari passaggi, come fare i rabaton.

Categoria: Gnocchi

2 uova
50 g di farina 00
500 g di ricotta vaccina
500 g di bietole o spinaci
100 g di parmigiano grattugiato
50 g di burro
70 g di pangrattato
2 ciuffi di maggiorana
q.b. salvia
q.b. sale
q.b. noce moscata

Preparazione

Come fare i Rabaton alessandrini

Per prima cosa sbollentiamo in abbondante acqua salata le bietole o gli spinaci.
Dopo averle cotte, le strizziamo bene e le facciamo raffreddare; dopodiché frulliamole in un mixer fino ad ottenere una crema omogenea.

In una ciotola mettiamo la ricotta e aggiungiamo le uova, le bietole frullate, il parmigiano e le foglie di maggiorana. Iniziamo a mescolare questi ingredienti e gradualmente aggiungiamo il pangrattato cercando di ottenere un composto morbido e omogeneo quanto più possibile.
Infine insaporiamo con un po' di sale e noce moscata.

Passiamo ora alla composizione vera e propria dei rabaton: infariniamo un piano lavoro o un tagliere e prendiamo poco composto alla volta. Lavoriamolo con le mani in modo da formare uno gnocco allungato dalla forma cilindrica.

Prendiamo i rabaton ottenuti e buttiamoli in acqua salata giuntta ad ebollizione, fino a quando non risalgono a galla, come degli gnocchi tradizionali. Scoliamoli e posizionamoli in una pirofila precedentemente imburrata.

Mettiamo su ogni rabaton un ciuffetto di burro, qualche foglia di salvia e un po' di parmigiano e cuociamo in forno statico a 200° qualche minuto, giusto il tempo che il burro si sciolga e la superficie risulti dorata.

Serviamo i nostri rabaton, caldi appensa sfornati.

Per quale occasione

Un piatto che si prepara in poco tempo, perfetto per qualsiasi occasione, sia per un pranzo tra amici sia per ricorrenze speciali.