Melanzana, proprietà e caratteristiche

Melanzana, proprietà e caratteristiche
Photo credits:

La melanzana appartiene alla famiglia delle Solanaceae, ed è originaria dell'India, dove cresce spontaneamente da più di 4.000 anni.

Iniziò a diffondersi in Europa intorno al 400 d.C. grazie agli scambi con i commercianti arabi, e oggi l'Italia è tra i maggiori produttori di questa verdura, anche se il primato lo possiede la Cina.

Questo ortaggio viene seminato nel mese di marzo e raggiunge la maturazione nel periodo estivo: è ricco di sostanze nutritive e possiede molte proprietà benefiche per il nostro organismo: scopriamo insieme le sue caratteristiche.

Proprietà nutritive della melanzana

Ricchissima di acqua, la melanzana contiene molti sali minerai, come potassio, magnesio e fosforo: elementi utili sopratutto con le alte temperature estive, quando il nostro corpo tende a perdere molte di queste sostanze con la sudorazione.
Inoltre, essendo ricca d'acqua e di fibre, ha un apporto calorico basso (circa 18 kcal per 100 g di prodotto) e aiuta l'organismo in caso di ritenzione idrica e stitichezza.

Contiene la vitamina A, tutte le vitamine del gruppo B e la vitamina C ed è, come altri alimenti di colore viola, ricca di antiossidanti, utili per le difese immunitarie e per la salute della nostra pelle.

Un consumo regolare di melanzane ci aiuta inoltre nella produzione di bile e nel controllo del livello del colesterolo cattivo.

Caratteristiche della melanzana

Una caratteristica che contraddistingue questo ortaggio è la presenza di solanina, una sostanza che risulta tossica per noi ma che si perde con la cottura: le melanzane infatti non vanno mai consumate crude.

Questa verdura ha sapore amaro: un consiglio molto utile è quello di tagliarla a fette e ricoprirla con del sale grosso, lasciandola spurgare per circa un'ora prima di cucinarla.

La melanzana si trova in natura in differenti varianti, in base alla forma, che può essere ovale, rotonda o oblunga e per il colore, dal lilla al viola scuro.

Tra le tipologie più diffuse sul mercato troviamo la violetta di Firenze, dalla forma rotonda, la violetta di Napoli, allungata e con un sapore deciso, la violetta palermitana di colore viola scuro e la gigante di New York, dalla forma tonda.

Come conservare e cucinare la melanzana

Una volta acquistata, la melanzana si conserva in frigorifero per circa una settimana, meglio se con il picciolo ancora attaccato.

Questo ortaggio è versatile e si presta ad essere cucinato in tantissime ricette, tipiche della cucina mediterranea, come, ad esempio, le celebri melanzane alla parmigiana, utilizzandole fritte, oppure grigliate, per un risultato più leggero.
Con la melanzana si cucinano anche ottimi condimenti per primi piatti, come la gustosa pasta alla norma con ricotta salata: una ricetta gustosa tipicamente siciliana.
Inoltre, quest'ortaggio si può preparare a tocchetti sott'olio, per un antipasto sfizioso oppure possiamo offrirlo sotto forma di pizzette o involtini, per un aperitivo con gli amici.

Tra i pochi difetti, ricordiamo che la melanzana tende ad assorbire molto i grassi, in particolare, quindi, attenzione a non condirla con troppo olio!

Le possibilità sono davvero moltissime: non perderti i nostri suggerimenti e la nostra selezione di ricette con le melanzane!

Ti è piaciuta la ricetta?