Come conservare le carote

Come conservare le carote
Photo credits:

Conservare le carote, anche per un lungo periodo, è possibile. Basta ricorrere al congelamento. Il processo di congelamento, infatti, permette di mantenere in ottimo stato quest'ortaggio conservandone allo stesso tempo tutte le proprietà nutritive e lasciandone inalterato il gusto.
È, però, necessario procedere al congelamento seguendo delle indicazioni ben precise. I passaggi da seguire partono dall'acquisto delle carote, fino a giungere al congelamento passando per la cottura e il confezionamento.
Vediamo insieme quali sono le regole da seguire.

Come scegliere le carote al momento dell'acquisto

Prima di tutto, dobbiamo controllare che l'ortaggio sia di qualità e ad un buon punto di maturazione. Il colore delle carote deve essere un arancio carico, la consistenza soda e devono essere del tutto assenti macchie e bitorzoli.
Per quanto riguarda le carote dotate di ciuffo, dovremmo controllare anche il colore delle foglie, che non devono risultare appassite ed essere invece di un verde piuttosto acceso.

Come pulire e cuocere le carote

Prima di cuocere le carote dobbiamo pulirle: eliminiamo il ciuffo verde se presente e le estremità. Peliamole, laviamole, asciughiamole e tagliamole poi a rondelle, o in alternativa, a bastoncini. Quando abbiamo carote abbastanza piccole, invece, possiamo congelarle anche intere.

A questo punto, dobbiamo procedere con la fase di scottatura. Buttiamo le carote in acqua bollente e lasciamole immerse per poco tempo, senza farle cuocere del tutto. Questo passaggio servirà ad evitare che le carote vadano a male, poiché elimina gli enzimi attivi al suo interno. Inoltre, questo procedimento di breve cottura manterrà vivo il colore delle carote e manterrà la loro consistenza croccante.

Effettuiamo quest'operazione con mezzo chilo di carote per volta, in 4 litri di acqua. Portiamo ad ebollizione l'acqua non salata, immergiamo le carote dai 3 ai 5 minuti, prima di procedere a scolarle. Dopodiché trasferiamole in una ciotola piena di acqua fredda, meglio se con qualche cubetto di ghiaccio e lasciamo raffreddare. Infine, asciughiamole accuratamente con un canovaccio pulito.

Confezionamento e congelamento

Prima di procedere al congelamento, dobbiamo suddividere le nostre carote in porzioni e confezionarle.
Disponiamo le rondelle o i bastoncini su un vassoio ricoperto da carta da forno, senza che i pezzetti di carota si tocchino tra loro: mettiamole per circa mezz'ora in freezer, in modo che si induriscano senza attaccarsi tra loro. Quest'operazione è facoltativa ma si rivela molto utile.
Trascorso il tempo, trasferiamo le carote in sacchetti adatti al congelatore oppure in contenitori adeguati e sigilliamoli dopo aver eliminato l'aria interna.

Prima di riporre in congelatore, attacchiamo delle etichette sulle confezioni indicando la data e la quantità presente nella confezione. Ricordiamoci che il tempo massimo di conservazione è di 8-10 mesi e la temperatura ideale è tra i -18° e i -25°.

Il processo di decongelamento può avvenire tranquillamente in acqua tiepida. In alternativa, possiamo trasferirle dal congelatore al frigorifero e lasciarle qualche ora. È possibile anche metterle in pentola direttamente congelate, ricordando che sono precotte e quindi il tempo di cottura sarà inferiore a quello necessario per le carote fresche.
L'ultima indicazione da seguire è quella di non ricongelare mai gli ortaggi decongelati!

Ti è piaciuta la ricetta?