Torta tenerina

Preparazione 35 min
Difficoltà Facile
Porzioni 6
Costo Basso

Presentazione

Vanto della città di Ferrara, la torta tenerina ha origini molto antiche ed è una torta molto amata dai cultori del cioccolato.
Si vende in tutte le pasticcerie della città ed ha la particolarità di essere preparata con una quantità minima di farina ma con un buon quantitativo di cioccolata delle migliori marche.
La torta è bassa ma ha il cuore molto molto tenero ecco il perché del suo nome.
A Ferrara la preparano in molti non solo nelle pasticcerie ma anche in casa e la sua ricetta viene tramandata di generazione in generazione.
Vediamo come realizzarla secondo la tradizione ferrarese.

Categoria: Torte

250 g di cioccolato fondente
150 g di burro a temperatura ambiente
2 uova grandi
120 g di zucchero semolato
1 pizzico di sale
3 cucchiai rasi di farina 00

Preparazione

Preparate una bastardella e spezzate il cioccolato riponetelo dentro.
Mettete sul fuoco una pentola colma d'acqua e mettete la bastardella giusto al centro e dopo aver acceso la fiamma a fuoco medio, cominciate ad aspettare che il cioccolato si sciolga.
Rimestate con un mestolo di legno e abbiate l'accortezza di non far formare grumi e di stare attente al momento preciso in cui il cioccolato è diventato una crema densa.
Solo a quel punto potete spegnere la fiamma onde evitare che la crema si attacchi al fondo della bastardella, acquistando un sapore bruciato ed amarognolo.
Aggiungete il burro preventivamente fatto a cubetti e rigorosamente a temperatura ambiente.
Girate con il mestolo di legno lasciando la bastardella nella padella con l'acqua calda.
Rimestate il composto fino a quando il burro si sarà perfettamente amalgamato al cioccolato.
Prendete adesso una ciotola e ponete al suo interno i tuorli delle uova con lo zucchero.
Aiutandovi con un frustino a mano o elettrico, rendete i tuorli spumosi.
Nel frattempo il cioccolato si sarà intiepidito e senza smettere la lavorazione, incorporatelo alle uova spumose aggiungendo anche i tre cucchiai di farina e lasciate che si amalgami il tutto.
Se il composto dovesse risultare troppo duro, aggiungete un paio di cucchiai di latte.
In un'altra ciotola rendete a neve i due albumi ed incorporateli al composto di cioccolato rimestando dal basso verso l'alto.
Vi dovrà risultare una crema liscia e spumosa.
Imburrate una teglia di media grandezza e versate il composto.
Infornate a 180°per 25 minuti e quando spegnete il forno, non estraete subito la torta ma lasciate che intiepidisca in forno lasciando lo sportello socchiuso.
Appena la torta è fredda, toglietela dal forno e capovolgetela su di un piatto da portata poi cospargetela di zucchero a velo.

Consigli sulla cottura della torta tenerina

Non vi impressionate se la torta al suo interno risulta come se non fosse cotta, quasi bagnata perché è proprio la particolarità di questo dolce ferrarese che è chiamato torta tenerina proprio perché al suo interno è molto morbida.
Per rendervi conto se la torta è pronta, non usate il trucco dello stuzzicadenti perché per questo dolce non è valido ma appena è cotta, ve ne renderete conto dalla crosticina che si forma sulla superficie del dolce.

Come servire la torta

Servitela a fettine accompagnata con della crema gianduia e accompagnato con del Malvasia, Moscato o vino passito.

Ti è piaciuta la ricetta?

Vota la ricetta!