La ricetta delle zeppole, alcuni segreti

Andiamo a scoprire la ricetta di un dolce classico della tradizione vesuviana: parliamo delle zeppole, dolce tipico del Sud Italia. Per sei o otto persone avremo bisogno di sei uova, olio per friggere, zucchero a velo, confettura di amarene o in alternativa amarene sciroppate, cinquanta grammi di burro, trecento grammi di farina, un limone, altri ottanta grammi di farina per la crema pasticcera, per la quale serviranno anche 50 centilitri di latte, 100 grammi di zucchero e due uova.
Vediamo, subito, dunque, il procedimento, iniziando dalla preparazione della pasta. In una pentola, posizioniamo il burro e un pizzico di sale. Aggiungiamo l'acqua, accendiamo il fuoco e lo lasciamo a fiamma media. Poco prima che l'acqua bolla, quando inizia a fare solo le prime bollicine, uniamo la farina precedentemente setacciata. La farina non deve essere aggiunta un po' alla volta ma tutta insieme. Con una frusta mescoliamo in maniera energica fino a quando il composto non rimarrà staccato dalla pentola.
A questo punto è possibile aggiungere le sei uova, in questo caso una alla volta. Continuiamo a girare, se possibile aiutandoci con una frusta elettrica, fino a quando il composto non si sarà amalgamato alla perfezione. A questo punto, lasciamo riposare il tutto per una ventina di minuti.
Ci dedichiamo, quindi, alla realizzazione della crema pasticcera, per quale dovremo lavorare i tuorli di due uova cui in un recipiente dovremo aggiungere la quantità di zucchero indicata in precedenza. Il risultato dovrà essere un composto spumoso e bianco, cui sarà unita la farina (anche in questo caso setacciata in precedenza per evitare la formazione di grumi).
Uniamo, poi, due pezzetti di buccia di limone, se vogliamo grattugiata, e il latte. Quindi versiamo il tutto in una casseruola, e facciamo cuocere a fuoco medio. La crema non deve bollire, ma solo addensarsi. Aiutiamoci con un cucchiaio di legno per mescolare. Se le bucce di limone sono state messe intere, è il momento di toglierle.
A questo punto, lasciamo raffreddare, e dedichiamoci di nuova alla pasta per le zeppole, pronte per essere fritte. In una pentola con bordi alti versiamo l'olio che ci servirà per friggere. Ricordiamo che le zeppole devono essere immerse completamente, in caso contrario non riusciranno a gonfiarsi. La casseruola deve essere posizionata sul fuoco, ad altezza media. Intanto, riempiamo una siringa da pasticcere a bocca larga con la pasta, e posizioniamo il composto in un piattino in precedenza unto d'olio. Dobbiamo dargli la forma di una ciambella. Ecco pronta la zeppola che deve essere fritta.
Nell'olio aggiungiamo una zeppola alla volta. L'olio deve essere caldo ma non fumante, altrimenti il dolce si brucerà. Alziamo, dunque, la fiamma leggermente, in modo da farla dorare. Quando sarà pronta, possiamo toglierla, facendo attenzione a non bucarla. Posizioniamo su un foglio di carta assorbente per asciugare l'olio in eccesso. Una volta lasciate raffreddare, le zeppole sono pronte per essere servite, insieme con la pasticcera ed eventualmente con la confettura di amarene. Volendo, possiamo anche spolverarle con dello zucchero a velo.

Ti è piaciuta la ricetta?