Patatine fritte

Le patatine fritte sono lo street food preferito in assoluto da bambini, giovani ed anziani.
Vuoi per il gusto soffice e dolce della patata, o perché si adatta con tutti i cibi o ancora per la sua caratteristica di essere "croccante fuori e moribida dentro".
La patata è senza ombra di dubbio l'alimento che accontenta tutti.
Ma sarà cosi facile realizzare deliziose patate fritte? Beh, la risposta non è proprio "sì"!

Quale tipo di patate utilizzare?

Di patate ne esistono moltissime varianti: quelle adatte per il pure, quelle consigliate per realizzare patate fritte, quelle ancora ottime per essere cucinate al forno.
Oltre al fatto che non si può parlare di patata ma di patate, per realizzare deliziose patate fritte è necessario utilizzare alcuni piccoli accorgimenti.
Per prima cosa scegliere le patate, vi consiglio di scegliere patate di media dimensione né troppo piccole né troppo grandi.

Taglio e lavaggio

Le patate vanno lavate con acqua fredda, prima ancora di essere sbucciate, questo perché molte volte la patata (essendo un tubero che cresce sotto terra) è ricoperta di terriccio.
Se noi sbucciamo le patate senza lavarle, rischiamo che il terriccio si depositi nelle patate. Dopo aver lavato le patate bisogna sbucciarle. Tagliarle poi a bastoncini di dimensione di un dito indice.
Evitate di fare bastoncini troppo piccoli (assorbono troppo olio) o troppo grandi (non si cucinano all'interno).
Inoltre, i bastoncini dovrebbero avere tutti la stessa dimensione in modo che con lo stesso tempo di cottura non ci siano patate troppo cotte o al contrario patate ancora crude.
Mettere le patate in un recipiente con acqua fredda e lasciarle in immersione per una decina di minuti.
In questo modo le patate "scaricano" tutto l'amido in eccesso e una volta cotte risultano più croccanti.
A questo punto possiamo scolare le nostre patate con uno scolapasta e successivamente possiamo asciugarle con un panno pulito per togliere l'acqua in eccesso (se non le asciughiamo bene, appena le metteremo nell'olio caldo l'acqua contenuta nelle patate potrebbe ustionarci).

La cottura

Adesso è arrivato il momento della cottura.
Avremo bisogno di una padella, di una friggitrice o ancora di una pentola. Se optate per la padella, sceglietene una con i bordi alti, io vi consiglio di utilizzare una pentola di diametro 20 cm che utilizzerete solo per le fritture.
Riempire il recipiente (padella o ancora friggitrice con l'olio di semi). Bisogna mettere molto olio per realizzare patate croccanti e cotte uniformemente.
Scaldare l'olio: attenzione perché non deve essere né troppo freddo né troppo caldo. Quando l'olio è pronto bisogna immergere le patate e aspettare che diventino leggermente dorate.
Togliere le patate ed adagiarle su un piatto in cui prima abbiamo disposto della carta assorbente (serve ad assorbire l'olio in eccesso).
Mettere il sale e le spezie e servitele ancora calde!

Ti è piaciuta la ricetta?