Marmellata di mandarini con il Bimby

Preparazione 120 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Basso

Presentazione

La stagione invernale porta ogni anno sulle nostre tavole gli agrumi che, con i loro colori solari e il profumo intenso, bastano da soli a risollevare il morale un po' a terra a causa delle giornate bigie e sempre più brevi.

A partire da mandarini e clementine fino alle tante varietà di arance, passando per le numerose specie, frutto di laboriosi e sapienti incroci, ce n'è veramente per tutti i gusti. E se poi aggiungiamo l'apporto di vitamina C, preziosissimo aiuto nel difenderci dai tipici malanni di stagione, non possiamo che amare questi frutti.

Se poi desideriamo poterne assaporare il gusto dolce amaro anche in altre stagioni, non c'è niente di meglio che preparare un'ottima marmellata di mandarini fatta in casa, ricetta ancora più semplice con l'aiuto del Bimby, fedele alleato delle donne moderne!

Oltretutto bastano veramente pochi ingredienti e il gioco è fatto. Vediamo allora come procedere.

Categoria: Marmellate

1 kg di mandarini
2 limoni
600 g di zucchero semolato

Preparazione

Per preparare la Marmellata di mandarini con il Bimby innanzitutto prendete i vostri mandarini e lavateli molto bene.
Privateli poi della buccia, avendo cura di conservare quella di almeno cinque o sei di essi.

Fate quindi bollire le bucce per qualche minuto e ripetete l'operazione per almeno un paio di volte così da evitare che risultino troppo amare. Terminata questa operazione scolatele bene e lasciatele raffreddare.

A questo punto potete decidere se frullarle tutte nel mixer o, se preferite l'effetto candito, tagliarle a listarelle sottili.
Per il momento mettetele da parte, le dovrete infatti utilizzare solo più avanti.

Ora prendete i mandarini e i limoni ed eliminate tutti i filamenti bianchi. Tagliateli poi a pezzi (in questa fase non c'è affatto bisogno di precisione, potete farlo in modo piuttosto grossolano) e frullateli per pochi secondi a velocità 5.

Aggiungete poi lo zucchero semolato (ma se preferite potete usare anche quello di canna) alla vostra polpa di mandarini e limoni e fate bollire tutto a 100° per circa un'ora a velocità 1. 

Mi raccomando, verso metà cottura ricordatevi di aggiungere le bucce precedentemente preparate.
Trascorso questo tempo il consiglio è di proseguire la cottura per ulteriori 20 minuti, questa volta impostando la temperatura Varoma a velocità 1.
Quando la marmellata avrà raggiunto la consistenza desiderata, versatela ancora calda nei vasetti di vetro che avrete precedentemente sterilizzato a dovere e chiudete ermeticamente.

Fare bollire poi i barattoli in acqua completamente coperti per 30 minuti.
La vostra marmellata durerà nella vostra dispensa per mesi e sarà ottima per accompagnare alcuni tipi di formaggi, da spalmare su pane o biscotti e per farcire dolci e crostate.

Consigli

Anche se i semi dei mandarini contengono una buona dose di pectina, che garantisce la buona riuscita di una marmellata, è da riconoscere che è molto difficile frullarli completamente.

Se si vuole quindi evitare il fastidio di sentirne i residui mentre si gusta la marmellata, sarà opportuno eliminarli subito, al momento di tagliare la polpa.

Per ovviare alla mancanza di pectina si potrà invece aggiungere ai mandarini anche la polpa di due mele, il frutto che in natura ne contiene in maggiore quantità.

Ti è piaciuta la ricetta?

Vota la ricetta!
    Totale Voti: 3, Media voti: 3