Marmellata di fichi d'India

Preparazione 120 min
Difficoltà Facile
Porzioni 6
Costo Basso

Presentazione

La marmellata di fichi d'India è una confettura tipica di alcune regioni italiane dove abbonda questo frutto come la Sicilia e la Campania.
Nel mese di agosto infatti, i fichi d'India sono ben maturi e pronti per essere gustati.
Molte persone però, non gradiscono l'evidente sapore dei minuscoli ossicini che si trovano all'interno del frutto ed allora preferiscono utilizzarlo per preparare le marmellate.
Vediamo come preparare la marmellata di fichi d'India con facilità e come la realizzavano le nostre nonne.

Categoria: Marmellate

2 kg di polpa di fichi d'India
1.2 kg di zucchero semolato
2 bicchieri d'acqua naturale
il succo di 2 limoni
15 mandorle con la buccia
1 scorza di limone non trattato

Preparazione

Sterilizzate i vasetti di vetro bollendoli per 25 minuti in una capiente pentola con tutti i loro coperchi.
Quando l'acqua nella pentola si sarà raffreddata, togliete i vasetti e metteteli capovolti al sole su di un canovaccio candido.

Prendete un macinacaffé e triturate finemente le mandorle e poi conservatele in un piattino.
Passate i fichi d'India sotto il getto dell'acqua corrente per attenuare la puntura delle fastidiose spine.
Indossate un paio di guanti da lavoro e incominciate a togliere la buccia ai frutti.
Per togliere correttamente la buccia, con un coltellino affilato eliminate prima le due calotte laterali e poi praticate un taglio verticale il fico.
Prendete un lembo di buccia e tiratelo via delicatamente e vedrete che tutta la buccia verrà via con facilità.

Ponete i fichi d'India in una grande insalatiera e tagliateli a tocchetti.
Procuratevi una pentola di acciaio inox antiaderente e collocate al suo interno la polpa di fichi d'India e lo zucchero semolato.
Mettete la pentola sul fuoco senza coperchio e a fiamma dolce.

Quando i tocchetti si saranno completamente disfatti togliere la pentola dal fuoco e passare al setaccio per eliminare i semi.

Nel frattempo lavate il limone e togliete la buccia stando attente a non tagliare anche la parte bianca.
Rimettere la polpa ottenuta nella pentola e riaccendete il fuoco.
Premete il limone e ricavatene il succo poi filtratelo e aggiungetelo alla marmellata in cottura.
Aggiungete anche la scorza del limone.
Mescolate di tanto in tanto il composto ed osservate se si attacca al fondo della pentola.
Se ciò dovesse accadere, abbassate ancora di più la fiamma ed aggiungete un po' d'acqua naturale.
A metà cottura, aggiungete alla marmellata le mandorle tritate precedentemente e mescolate di tanto in tanto.
Continuate a cuocere la marmellata fino al suo completo addensamento (circa 35-40 minuti).
Se durante la cottura la marmellata dovesse addensarsi troppo, aggiungete dell'acqua.

Ponete la marmellata ancora bollente nei barattoli di vetro dopo aver eliminato la buccia del limone.

Consigli

La marmellata di fichi d'india si conserva per circa 3 mesi a patto che sia creato correttamente il sottovuoto (il tappo dei vostri barattoli deve fare il caratteristico suono di "click clack". In caso contrario potete fare bollire i vasetti a testa in giù per circa 30 minuti in una pentola capiente coperti con acqua fino a metà della loro altezza.
Fateli poi asciugare e raffreddare lasciandoli sempre capolvolti

La marmellata può essere spalmata su fette di pane imburrato per colazione o per merenda accompagnata da latte o succo di frutta.

Ti è piaciuta la ricetta?

Vota la ricetta!