Come sbucciare i fichi d'india

Il fico d'india è un frutto gustosissimo, polposo, colorato e che ci ricorda l'estate. Chi, da ragazzo, non si è mai cimentato nell'avventurosa raccolta dei fichi d'india tornando a casa ricoperto di spine?
Spesso sono proprio le spine a scoraggiarci dal gustare questo splendido frutto.
Come sbucciare quindi un fico d'india senza passare le ore successive armati di pinzette a tirare via le spine dalle dita?
Non è affatto difficile, c'è bisogno solo di un poco di pazienza e di un po' di allenamento.

Le protezioni e le operazioni

Per prima cosa per evitare complicazioni, soprattutto le prime volte, sarà utile indossare un paio di guanti di lattice, quelli sottili, da chirurgo, che ci lasciano libertà di movimento e al tempo stesso ci proteggono.
Dopo avere indossato i guanti immergiamo i fichi in una bacinella d'acqua fredda, questo porterà via la maggior parte delle spine volanti.
Prendiamone poi uno alla volta, lo poggiamo su un piatto o su un tagliere e armati di coltello e forchetta cominciamo l'operazione.
Conficchiamo con decisione la forchetta nel fico nel senso della sua lunghezza, per evitare che ci scappi, scivolando sul piatto.
Poi, con il coltello, tagliamo le due estremità nel senso della larghezza, ciò significa che dobbiamo togliere i due cappucci, come si fa quando si vuole sbucciare una banana con coltello e forchetta.
Dopo averne tagliato le estremità, col coltello incidiamo la buccia, facendo un taglio nel senso della longitudine. Il taglio non deve essere molto profondo, bisogna regolarsi nel senso di incidere tutto lo spessore della buccia fino ad arrivare all'inizio della polpa.
Una volta praticato il taglio per tutta la lunghezza del fico, sempre tenendolo con la forchetta saldamente, cominciamo a fare una leva col coltello. Lo infiliamo tra la buccia e la polpa e con un movimento un po' ondulatorio, facciamo in modo da staccare il primo lembo di buccia dalla polpa.
Una volta ottenuta la separazione tra il primo lembo di buccia e la polpa del fico, non dobbiamo fare altro che srotolare il fico.
Che vuol dire srotolarlo?
Sempre con il coltello continuiamo il movimento ondulatorio e di leva, e contemporaneamente con la forchetta facciamo ruotare il frutto, dovremo liberarlo dalla buccia, come se stessimo srotolando un tappeto.
Semplice no?
Molto più di quello che credevamo.

Come utilizzare i fichi d'india


Il fico d'india si presta ad essere ingrediente di gustosissime ricette estive, insalate di frutta, marmellate, granite, gelati.
Un aperitivo particolare e fantasioso
consiste nel mettere in un bicchiere di spumante secco, qualche pezzettino di fico d'india magari di colore rosso, e accompagnare così degli spiedini di frutta coloratissima.
Poiché il fico d'india cresce spontaneamente nelle regioni del sud Italia, le ricette con questi frutti sono in particolare calabresi e siciliane.
Una di queste è la ricetta che vede insieme spaghetti, alici e fichi d'india, gustosa, estiva profumata di mare e di terra.

Ti è piaciuta la ricetta?