Come cucinare la polenta

Ricetta tipica del nord Italia, la polenta è un piatto molto facile da preparare a base di farina di mais e acqua.
Buona anche da sola, è ideale per accompagnare piatti di carne e verdure o come base per altre ricette.

Ingredienti

- 250 g di farina di mais
- 500 ml di acqua
- 1 cucchiaino di sale
Tempo di preparazione: 2 minuti
Tempo di cottura: 50 minuti circa

Preparazione

Riempite una pentola capiente con acqua e sale, poi mettetela sul fuoco con un coperchio e portate ad ebollizione.
Quando l'acqua bollirà, togliete il coperchio e versate a pioggia la farina di mais poco per volta mescolandolo continuamente con un cucchiaio di legno. Quindi aggiungete gradualmente tutta la farina, continuando a mescolare.
Mescolare la polenta per l'intera cottura è molto importante per evitare la formazione di grumi ed avere quindi una consistenza omogenea, liscia e compatta. Per mescolare al meglio la polenta, oltre che un cucchiaio di legno ed un po' di pazienza ed energia nella braccia, va seguita questa regola: mescolate sempre nello stesso verso partendo dallo strato più profondo della pentola fino a salire a quello più superficiale.
Per ottenere un'ottima polenta occorre farla cuocere per circa 50 minuti, sempre mescolando di continuo. Nel caso in cui risultasse troppo dura potete aggiungere un po' di acqua calda nel corso della cottura, ricordando però che la giusta consistenza della polenta è compatta e non liquida.
Quando la polenta è pronta inizia a staccarsi dai bordi della pentola: toglietela al fuoco, ponetela su un tagliere di legno e servitela subito in tavola. Oppure, se la utilizzate per dar vita ad altre preparazioni a base di polenta, lasciatela raffreddare sempre sul tagliere in modo che non si attacchi alla pentola.

Consigli

La polenta è ottima per accompagnare piatti di carne (costolette, salsicce e pasticci), verdure lesse, salumi e formaggi speziati oppure del pane casereccio condito con olio e sale.
Inoltre, è superba con una spolverata di tartufo nero, ingrediente pregiato che arricchisce ed esalta il sapore della polenta.

Varianti

La polenta può essere utilizzata anche per dar vita a preparazioni più complesse ed originali.
Una di queste è senza dubbio la polenta fritta ottenuta da pezzetti di polenta (fredda e ben compatta) fritti in abbondante olio che può essere gustata come antipasto o aperitivo.
Oppure è possibile preparare uno sformato a base di polenta, salsiccia, cime di rapa e formaggio affumicato (tipo provola o scamorza) infornati a forno caldo.
Altra variante molto conosciuta è la cosiddetta polenta taragna che si prepara secondo la ricetta classica ma mescolando farina di mais e grano saraceno.
A fine cottura, poi, si aggiunge un mix di formaggi (tra i più usati ci sono fontina e casera) e del burro: il risultato è un piatto molto ricco e gustoso, dal sapore intenso.
I formaggi aggiunti a fine cottura danno alla polenta taragna un aspetto filante e molto invitante.
Da proare è anche la polenta concia, in cui gli strat idi formaggio sono alternati alla polenta.

Ti è piaciuta la ricetta?