Pizza Bonci

Preparazione 1800 min
Difficoltà Facile
Porzioni 8
Costo Basso

Presentazione

Fare l'impasto della pizza è una passione e non è facile se non si segue la ricetta giusta.Tutto dipende dagli ingredienti usati e dalla lavorazione effettuata.
Gabriele Bonci ci ha regalato la sua ricetta per una pizza davvero speciale, molto lievitata e facilmente digeribile. La lavorazione è molto lunga e segue dei passaggi precisi da ripetere, ma assolutamente facili e tutti possono cimentarsi nella sua preparazione. Vediamo insieme come si fa.

Categoria: Lievitati

1 kg di farina 0 (oppure Manitoba)
700/800 g di acqua a seconda della farina usata
1 cubetto da 25 g di lievito di birra fresco
oppure 7 g di lievito secco
15/20 g di sale
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 teglia per pizza
q.b. condimento a piacere

Preparazione

Come fare la Pizza Bonci

Inserire la farina in una ciotola bella capiente, sciogliere il lievito in una parte di acqua e unirlo alla farina, iniziare a miscelare aggiungendo pian piano tutta l’acqua restante, l’impasto dovrà diventare molto morbido e appiccicoso.

La pastella diventerà molto appiccicosa, quasi ingestibile, ma questo non vi deve preoccupare, perché fa parte del procedimento, quindi non aggiungete altra farina. Unire l’olio di oliva e solo alla fine il sale e continuare a mescolare fino a far assorbire questi ultimi due ingredienti.

Fate riposare l’impasto per circa 15 minuti abbondanti. Passato il quarto d’ora potete passare alla fase successiva, quindi rovesciate l’impasto su una spianatoia infarinata e cominciate a ripiegarlo su se stesso.
Questa è la fase più importante che porterà alla vera lievitazione dell’impasto. Bisogna ripiegare l’impasto per 4 o 5 volte su se stesso per fare in modo che incorpori l’aria. Tra una piega e l’altra bisogna far riposare l’impasto per 10/15 minuti e dopo ripetere l’operazione per altre 4 volte. In tutto dovete reimpastare per 5 volte.

Il metodo sembra molto dispendioso, ma vi assicura una lavorazione secondo ricetta. Quindi abbiate pazienza e seguite la procedura a regola d’arte per farla riuscire. Dopo questa lavorazione, l’impasto dovrà essere messo in frigorifero a riposare ancora per almeno 24 ore, e durante questo periodo si gonfierà formando delle bolle in superficie simbolo della crescita corretta della pasta. Il giorno dopo potete procedere con la preparazione della pizza.

Estraete l’impasto dal frigorifero, ungete una teglia e senza farlo sgonfiare stendetelo direttamente nella teglia senza matterello, lavorando di polpastrelli. L’impasto risulterà talmente morbido che sarà facilissimo stenderlo.

A questo punto potete condire la vostra pizza a piacere e cuocerla. Posizionatela per 10/15 minuti nel forno in basso, direttamente a contatto con la base e controllatela di tanto in tanto, appena sotto sarà dorata, spostatela in alto e fatela dorare anche in superficie. Il risultato vi sorprenderà. Buon appetito.

Consigli

Per una pizza più digeribile e lievitata usare sempre delle farine di forza, cioè con una potenza W non inferiore ai 250: riescono ad assorbire molta più acqua durante la lavorazione e lievitano molto lentamente, per un risultato veramente eccezionale.
Esempi di farina di forza sono la farina Manitoba, la semola, o quella di grano macinata a mano.

Vino da abbinare

Una birra artigianale doppio malto.

Ti è piaciuta la ricetta?

Vota la ricetta!
    Totale Voti: 2, Media voti: 4