Come fare i calamari ripieni

Il pesce è un alimento salutare che tutti dovremmo spesso portare in tavola.
La scelta è varia e ognuno ha i suoi gusti. Orata, Persico, Merluzzo, Sgombro, ci sarebbe un grandissimo elenco da fare, tanti sono i pesci che si possono scegliere, tenendo d'occhio sapore e salute.
Una menzione particolare mi sento di fare per i Calamari, molluschi comuni nel nostro Mar Mediterraneo e molto amati dai tanti commensali che ne apprezzano bontà e delicatezza.
Tra le proprietà nutritive troviamo sali minerali molto importanti per l'organismo, tra cui potassio, calcio, sodio, magnesio, fosforo e una buona dose di vitamina A.
Ragione di più per farli entrare di diritto nel nostro piatto, ancor più se si pensa che hanno pochi grassi e molte proteine.
Forse è la preparazione un tantino laboriosa che spesso scoraggia chi deve affrontare l'operazione del pulirli, eviscerarli, spellarli, ma ne vale davvero la pena, perché a ripagare l'impegno ci sarà il sapore delizioso e l'approvazione dei vari commensali.

Ingredienti per 6 persone

- 18 calamari abbastanza grandi
- 225 g di gamberetti
- Uno spicchio d'aglio
- Un ciuffo di prezzemolo
- 7 cucchiai di mollica di pane fresco
- Mezzo bicchiere di vino bianco
- 6 cucchiai di olio extravergine d'oliva
- Sale e pepe

Esecuzione

Pulire i calamari, eviscerandoli lasciando intere le sacche. Lavarli e lasciarli scolare e asciugare.
Tagliare i tentacoli e tritarli finemente.
Dopodiché metterli in un contenitore, unendo un trito d'aglio e prezzemolo, la mollica di pane, sale e pepe.
Sgusciare i gamberetti e unirli al composto appena preparato, irrorando il tutto con poco olio.
Mescolare e poi cominciare a riempire le sacche dei calamari. E' importante non eccedere con la quantità di ripieno, per evitare che fuoriesca durante la successiva cottura.
Chiudere l'apertura di ogni sacca con due stecchini.
In una capiente terrina versare l'olio e quando è ben caldo adagiarvi i calamari, evitando di sovrapporli.
Fare insaporire per pochi minuti, aggiungendo una spruzzata di vino bianco.
Coprire con un coperchio e lasciare cuocere a fuoco basso per circa un'ora, rigirando ogni tanto i calamari per consentire una cottura omogenea.
Quando sono quasi pronti, bagnare con il restante vino bianco, fare sfumare e servire ben caldi, disponendoli su un largo piatto da portata eliminando preventivamente gli stecchini.

Ti è piaciuta la ricetta?