Come cucinare un'anguilla

Andiamo alla scoperta di alcuni modi per cucinare l'anguilla.
La prima ricetta che proponiamo è l'anguilla alla cacciatora. Puliamo l'anguilla, la tagliamo e la laviamo. Quindi, dopo averla ridotta in piccoli pezzi, la mettiamo a soffriggere con un pizzico di sale, due cucchiai di olio extravergine, uno spicchio di aglio sbucciato e schiacciato, un pizzo di peperoncino, una foglia di salvia e un mazzetto di rosmarino.
Lasciamo cuocere fino a quando l'anguilla non prende un colore dorato. A quel punto, aggiungiamo un bicchiere di vino bianco, e lasciamo evaporare.
Nel momento in cui tutto il vino è evaporato, lasciamo andare sulla fiamma bassa per altri tre o quattro minuti con il coperchio. Dopodiché, togliamo dal fuoco e il piatto è pronto.
Un'alternativa a questa versione prevede l'utilizzo della Vernaccia al posto del vino bianco. La seconda ricetta, invece, è l'anguilla alla bretone. Per quanto riguarda gli ingredienti, per quattro persone avremo bisogno di un bicchiere di vino bianco secco, cento grammi di pancetta affumicata, ottocento grammi di anguilla, una carota, duecento grammi di funghi champignon, un cucchiaio di passata di pomodoro, una cipolla, un rametto di timo, due cucchiai di olio d'oliva, sale e pepe quanto basta e mezzo spicchio di aglio. Peliamo la carota, laviamo il timo e mondiamo la cipolla.
Quindi prepariamo un court bouillon con sale, vino, timo, pepe, cipolla, carota e mezzo litro d'acqua. Facciamo sobbollire il tutto per una quindicina di minuti.
Nel frattempo, laviamo l'anguilla. Quindi la spelliamo e la tagliamo in pezzi di tre o quattro centimetri l'uno. L'anguilla deve essere fatta lessare per una decina di minuti nel brodo che abbiamo preparata, e quindi lasciata a raffreddare nel brodo stesso. Intanto, in una padella mettiamo a scaldare l'olio. Vi aggiungiamo i funghi precedentemente lavati e tagliati a fettine, insieme con lo spicchio d'aglio, tritato finemente, e la pancetta, ridotta a dadini.
Lasciamo che il tutto prenda un colore vivo, e uniamo un cucchiaio di passata di pomodoro. Aggiustiamo di sale e pepe, e se il sughetto è troppo denso diluiamo con un mestolo di brodo. Lasciamo cuocere per venti minuti.
Quindi, sul piatto di portata mettiamo i pezzi di anguilla, che saranno ricoperti con la salsa ben calda. L'ultima ricetta prevede l'impiego di un chilo di anguilla, sale quanto basta, un ciuffetto di prezzemolo, mezzo bicchiere di salsa di pomodoro, una cipolla piccola, mezzo bicchiere di olio e mezzo bicchiere di aceto di vino rosso. Dopo aver spellato e sviscerato l'anguilla, la tagliamo a pezzi ed eliminiamo la testa. Nell'olio facciamo imbiondire il prezzemolo e la cipolla tritati. A questo punto uniamo mezzo bicchiere d'acqua e la salsa di pomodoro, lasciamo cuocere per cinque minuti. Ora aggiungiamo i pezzi di anguilla, e a poco a poco versiamo tutto l'aceto, fino a quando non è evaporato completamente. Concludiamo la cottura con la fiamma bassa, dopodiché possiamo togliere dal fuoco e servire, eventualmente spolverando con del prezzemolo tritato e versando un filo di olio extravergine a crudo per esaltarne il sapore.

Ti è piaciuta la ricetta?