Ciambella di carote

Preparazione 45 min
Difficoltà Facile
Porzioni 8
Costo Basso

Presentazione

Se si ha voglia di preparare una merenda genuina per i propri bambini, o per coccolarsi con una nota di dolcezza, non c'è ricetta migliore della ciambella di carote, o più comunemente chiamata Camilla.
Le sue origini si perdono nel tempo, ma la qualità e la grazia che conserva nei suoi sapori sono unici e capaci di stupire anche i palati più fini ed esigenti.
Rapida e pratica si presenta la sua preparazione che può facilmente essere riprodotta anche da chi è alle prime armi in campo di dolci.

Categoria: Dolci

200 g di carote
200 g di zucchero
2 uova
100 g di olio di semi
100 g di latte
300 g di farina 00
1 bustina di lievito
50 g di mandorle pelate
1 pizzico di sale

Preparazione

Il primo passo da fare è di frullare lo zucchero e le mandorle, fino ad ottenere un composto ben omogeneo e finemente tritato. Procedimento che richiede l'utilizzo di un robot da cucina.
Aggiungere poi nel frullatore le carote già tagliate a rondelle, per rendere il processo meno lungo.
Una volta che gli ingredienti hanno raggiunto la giusta consistenza, ossia una poltiglia omogenea, senza la presenza di scaglie troppo doppie, unire le uova, l'olio, il latte, la farina ed il pizzico di sale.
Lavorare energicamente il tutto fino a che l'impasto non si presenti liscio e compatto, la consistenza non dovrebbe risultare troppo solida, in questo caso va aggiunto ancora un po' di latte per rendere il tutto cremoso, a questo punto va unito il lievito e far lavorare per ancora qualche minuto.
Nel frattempo imburrate una teglia per ciambelle che non abbia un diametro troppo largo, l'impasto deve riempire i 2/3 dell'intero ruoto.
Cospargere oltre al burro con un pizzico di farina la teglia, suggerimento utile per quando la torta sarà cotta e fredda, in modo tale che nel capovolgerla su di un vassoio non si spacchi o rimanga attaccata alla teglia.
Una volta che tutti i passaggi sono giunti al termine, non resta altro che riempire la teglia con l'impasto e far cuocere in forno non ventilato per circa 30 minuti ad una temperatura non superiore ai 180°.
Trascorsi i 30 minuti, per accertarsi che la torta sia correttamente cotta, introdurre al suo interno una lama di coltello o uno spaghetto, e se una volta estratti questi si presentano perfettamente puliti ed asciutti, significherà che la ciambella è cotta a puntino. Un ulteriore consiglio sarebbe quello di immergere la lama del coltello al centro esatto della torta, ossia il punto dove essa è cresciuta di più, ed anche il punto in cui la cottura impiega più tempo per arrivare al termine.
Se la torta trascorsi i 30 minuti si presenta cotto, non resterà altro da fare che sfornarla ed attendere che si raffreddi per poterla posizionare su di un piatto da portata o su di un vassoio.
Guarnire, se lo si desidera, l'intera superficie, della ciambella, con dello zucchero a velo, quindi servirla.

Consigli

Nel piatto la fetta di torta può essere accompagnata con un ciuffo di panna montata o con qualche cucchiaio di yogurt bianco, con delle scaglie di mandorle pelate.

Vino da abbinare

Questo dolce è ottimo se accompagnato con un bicchiere di prosecco o con un vino dolce, come potrebbe essere il Brachetto.
Ottimo abbinamento anche con dei liquori come il limoncello o il mandarinetto.
L'importante è che la nota sia agli agrumi, per rendere un connubio eccellente tra il sapore dolce della torta alle carote con un sapore più deciso e fresco come può esserlo quello del limoncello.

Ti è piaciuta la ricetta?

Vota la ricetta!
    Totale Voti: 1, Media voti: 4