Cecina toscana

Preparazione 55 min
Difficoltà Facile
Porzioni 8
Costo Basso

Presentazione

Andiamo alla scoperta della ricetta della Cecina toscana: una semplice torta di ceci, non molto alta, nutriente ma gustosa. Indicata anche per i vegani.
Ideale per uno spuntino o per una merenda, la cecina è un piatto non troppo calorico ma fondamentale per dare energia.
Conosciuta anche in Liguria, con il semplice nome di torta di ceci, è però un piatto tipicamente livornese.
E' chiamata anche farinata o cinque e cinque.
Caratterizzata da un profumo decisamente gradevole, la cecina, secondo la ricetta originale, deve, come detto, essere molto bassa. In realtà, rispettando la tradizione originale, dovrebbe essere cotta in un forno a legna, come avviene nei numerosi tortai diffusi in Toscana, specialmente a Pisa e Livorno.
La farinata, o cecina, è perfetta anche per i più piccoli: perché non darla da mangiare al proprio figlio per l'intervallo a scuola?

Categoria: Secondi

1 litro e mezzo di acqua
400 g di farina di ceci
2 cucchiaia di sale
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 pizzico di sale

Preparazione

In una terrina disponiamo la farina a mo’ di fontana, creando un buco in mezzo: al centro, verseremo a pioggia l’acqua, a poco a poco, mescolando lentamente e incorporando gradualmente la farina. Una volta aggiunta tutta l’acqua, impastiamo con attenzione, aggiungiamo mezzo cucchiaio di sale e lasciamo il tutto a riposare per almeno dodici ore, nella stessa terrina. Trascorso questo periodo, potrà accadere che sopra l’impasto si sia formata della schiuma, ma non dobbiamo preoccuparci: basta toglierla con un mestolo. Quindi uniamo tre cucchiai di olio all’impasto, e mescoliamo in modo che venga assorbito alla perfezione. Prendiamo una teglia e la ungiamo con un cucchiaio di olio (eventualmente imbevendo una garza, se non vogliamo sporcarci le mani). All’interno vi versiamo l’impasto, creando una cecina non superiore al centimetro di altezza. Inseriamo la teglia nel forno pre-riscaldato, a 250 gradi, e lasciamo cuocere per almeno tre quarti d’ora. La cecina deve formare una crosticina dorata in superficie, ma occorre fare attenzione a non cuocerla troppo: può essere utile, in questo caso, proseguire la cottura dopo aver posizionato un foglio di alluminio sopra l’impasto. Dopo 45 minuti, la cecina è pronta: croccante in superficie e soffice all’interno. La cecina va servita calda, con un pizzico di pepe se gradito, accompagnata da un corposo vino rosso.
Come si può notare, si tratta di una ricetta decisamente facile da preparare, con un impiego di tempo molto ridotto (a parte la cottura).
Insomma, è semplice da preparare, gustosa, nutriente e tradizionale: la cecina rappresenta uno di quei piatti della storia della cucina italiana che, per fortuna, non stanno scomparendo a dispetto della globalizzazione.

Curiosità

Il nome "cinque e cinque" deriva dal modo in cui viene solitamente mangiata, vale a dire ancora calda all'interno di una focaccia morbida: anni fa, infatti, sia la focaccia che la torta di ceci costavano cinque lire.

Ti è piaciuta la ricetta?

Vota la ricetta!