Calzoni fritti

Preparazione 150 min
Difficoltà Media
Porzioni 4
Costo Basso

Presentazione

Il piatto più tipico della cucina napoletana, e un po' di tutta la cucina italiana, è la pizza. Una sua variante molto appetitosa è il calzone, ottenuto stendendo l'impasto, farcendolo e poi piegandolo a metà.

Il calzone può essere cotto nel forno, proprio come la pizza, ma a volte viene fritto e questo gli conferisce un sapore ancora più gustoso.

Il calzone fritto si può mangiare in tutto il centro sud d'Italia e a Napoli prende il nome di panzerotto; deriva da una tradizione culinaria povera. Infatti la ricetta è nata per trovare un modo di usare i ritagli della pasta del pane, che veniva riempita con un po' di avanzi di vari ingredienti, per lo più mozzarella e pomodoro.
Oggi invece fa parte del cosiddetto street food, poiché si può tranquillamente mangiare camminando per strada. Ecco come si prepara.

Categoria: Lievitati

Per la pasta:
1.5 kg di farina 00
1 litro di acqua a temperatura ambiente
15 g di lievito di birra
45 g di sale fino
Per il ripieno:
400 g di pomodori pelati
200 g di mozzarella
30 g di olio extra vergine
1 spicchio di aglio
mezza cipolla bianca
basilico e sale q.b.
Per friggere:
q.b. olio di semi di girasole

Preparazione

Come fare i Calzoni fritti

Preparare l'impasto per realizzare l'involucro del calzone.
Versare in una ciotola l'acqua, unire il sale e mescolare finché non si sarà completamente sciolto.
Aggiungere metà della farina e mescolare bene fino ad ottenere una sorta di pastella.
A questo punto unire il lievito, il resto della farina e continuare ad impastare fino ad ottenere un composto elastico ma morbido e malleabile.
Fare riposare l'impasto per due ore, suddiviso in singoli panetti di circa 120-150 g ciascuno.

Nel frattempo preparare il ripieno per farcire i panzerotti.
Lasciare sgocciolare per un'ora la mozzarella e tagliarla poi a cubetti. Frullare i pomodori pelati e preparare un sugo facendo imbiondire nell'olio aglio e cipolla e aggiungendo poi i pomodori e il basilico.

Stendere con le mani ogni panetto sulla spianatoia infarinata fino a dargli una forma tonda e distribuire al centro il sugo e qualche cubetto di mozzarella.

Piegare la pasta a metà, avendo cura di sigillare bene i bordi premendoli con i rebbi di una forchetta o i polpastrelli.

Intanto scaldare l'olio; quando è ben caldo (lo si può verificare immergendovi uno stuzzicadenti o un pezzetto di pane) si possono friggere i calzoni girandoli a metà cottura.

Consigli

I calzoni fritti possono essere farciti con tanti altri ingredienti: ad esempio con provola e scarola, con prosciutto cotto e funghi, con alici e zucchine.

Si mangiano con le mani e si accompagnano con un bicchiere di Lacryma Christi, ottimo vino bianco prodotto in Campania, alle pendici del Vesuvio.

Ti è piaciuta la ricetta?

Vota la ricetta!
    Totale Voti: 3, Media voti: 3