Caffè freddo shakerato

Preparazione 5 min
Difficoltà Facile
Porzioni 2
Costo Basso

Presentazione

Il caffè freddo shakerato è un grande classico dell'estate. Una preparazione fresca e estiva composta da pochi e semplici ingredienti: caffè, ghiaccio e zucchero liquido.
Nonostante quello che si può pensare, la capacità richiesta nell'usare lo shaker per questa preparazione è minima ed è possibile usare un mixer elettrico.
La preparazione è velocissima e adatta anche ai meno esperti.
L'importante è che il caffè sia preparato al momento, o conservato caldo in un thermos, affinché lo zucchero vi si sciolga.

Categoria: Dolci Estivi

3 tazzine di caffè corposo
7 cubetti di ghiaccio
3 cucchiaini di zucchero di canna liquido
3-4 chicchi di caffè per decorare

Preparazione

Come fare il Caffè freddo shakerato

Mettere in freezer circa mezz'ora prima della preparazione due belle "coppe Martini" e lo shaker che userete, questo servirà ad evitare il primo sbalzo termico al momento in cui verrà inserito il ghiaccio.

Tolto dal congelatore, mettere nello  shaker  i cubetti di ghiaccio, poi il caffè ancora caldo e infine lo zucchero di canna liquido. Agitatelo bene per almeno 20 secondi, o se preferite versate tutto nel mixer.

Al momento di versare nelle coppe a stelo ben fredde, procuratevi un cucchiaino per evitare che vi scendano i pezzetti di ghiaccio.
Aggiungete i chicchi di caffè per decorare.

L'ordine degli ingredienti è importante perché il ghiaccio fa sì che il caffè si raffreddi, mentre il calore di quest'ultimo consente allo zucchero di sciogliersi. 

Nel caso in cui non trovaste lo zucchero di canna liquido potete mischiarlo prima nel caffè ancora bollente.
La miscela adatta per il caffè, invece, è un buon tipo di arabica, molto corposa. Se è troppo forte, potete preparare un caffè poco più lungo di quello che fate di solito.

Le varianti sono la vera chicca di questa ricetta, ed ogni barman ne ha una. Le più comuni sono le aggiunte dei liquori, che in quel caso vanno messi direttamente nello shaker, prima ancora di versarvi il caffè.
C'è chi preferisce usare la classica sambuca o l'anice, che hanno un gusto più forte e deciso, tipico del caffè corretto, chi ama invece la crema di wisky, l'amaretto o il Borsci.

Altre ricette, prevedono invece l'utilizzo della buccia di limone, dello sciroppo alla vaniglia o di un po' di crema gelata alla nocciola.
In questi casi, consiglio di mettere meno zucchero (anche solo un cucchiaino va bene), altrimenti il caffè shakerato rischia di diventare troppo mieloso.
Altra variante è la cannella, da versare in polvere sulle coppette.
Non ne va messo molto perché risulta piccante, ma può essere una novità.

Consigli

Una delle varianti più dolci e apprezzate è l'aggiunta del Bayles, un liquore a base di crema di latte, e di un fiore di panna montata con delle scaglie di cioccolato fondente.

Ti è piaciuta la ricetta?

Vota la ricetta!
    Totale Voti: 6, Media voti: 4