Bugie di Carnevale al forno

Preparazione 60 min
Difficoltà Facile
Porzioni 6
Costo Basso

Presentazione

Le bugie sono il dolce del Carnevale per antonomasia. Questa ricetta è semplice e veloce, adatta anche agli chef meno provetti e, soprattutto si presta ad un'infinità di variazioni a seconda della fantasia di chi la esegue e della zona di preparazione.
Le bugie sono cosparse da abbondante zucchero a velo e vengono generalmente fritte, ma sono ottime anche cotte al forno in una versione più light e sicuramente più facilmente digeribile.

Categoria: Dolci di carnevale

400 g di farina di tipo 00
1 bustina di lievito per dolci
1 bustina di vanillina
50 g di burro (lasciato preventivamente a temperatura ambiente)
50 g di zucchero bianco
3 uova intere
1 pizzico di sale
1/2 bicchiere di rum (a piacere)
q.b. zucchero a velo

Preparazione

Disponete sul tavolo o sul piano di lavoro la farina setacciata a fontana.

Nel buco, al centro, mettete la bustina di lievito e quella di vanillina, il burro a temperatura ambiente fatto a pezzetti, lo zucchero, le uova e il pizzico di sale.
Si può aggiungere, a seconda delle preferenze, anche un goccio di rum (alchermes, brandy o acquavite) che conferisce all'impasto un gusto più deciso e particolare.

Lavorate energicamente fino a raggiungere una consistenza omogenea, fate una palla e lasciate riposare coperta da un canovaccio in frigorifero per un'ora.

Trascorso il tempo stendete la pasta (a mano con il mattarello o con l'aiuto della macchina per la sfoglia) fino a raggiungere uno spessore di 3-4 millimetri.

Con la rotella tagliapasta dal bordo smerlato effettuate dei ritagli anche irregolari (a forma di rombi, triangoli, quadrati, listarelli, ecc).

La ricetta "tradizionale" prevede la frittura come metodo di cottura delle bugie, ma per avere un dessert più leggero, digeribile e meno calorico si può procedere appoggiando i pezzetti su una teglia (infarinata oppure rivestita di carta forno), lasciando cuocere il tutto per 10-15 minuti in forno ad una temperatura di 160/180°.

Una volta pronti e raffreddati questi dolcetti si possono mettere sul piatto di portata e solo alla fine vanno cosparsi abbondantemente con zucchero a velo.
E' questo il motivo per cui sono graditissimi anche ai più piccoli.

Consigli

Le bugie di Carnevale cambiano nome a seconda della regione italiana di provenienza.
Sono conosciute anche come chiacchiere, cenci, donzelle, lattughe, crostoli, intrigoni, lasagne, sfrappole, frappe, gale, galane, grostoi, rosoni e sprelle.
Le varianti a questa ricetta sono davvero moltissime: c'è chi le prepara con l'aggiunta di una scorza di limone grattugiata per dare più sapore alla pasta, c'è chi le decora con il miele e i confettini colorati, chi le spolvera con il cacao dolcificato e chi le decora con cioccolato fuso.
Per una presentazione "scenografica" delle bugie ci si può aiutare con coriandoli e stelle filanti colorate per decorare il piatto.

Ti è piaciuta la ricetta?

Vota la ricetta!