Brasato al vino

Brasato al vino
Photo credits:
Preparazione 200 min
Difficoltà Media
Porzioni 6
Costo Basso

Presentazione

Il brasato al vino è un piatto molto nutriente, tipicamente invernale, che proviene dalla tradizione culinaria piemontese.
Non presenta particolari difficoltà nella realizzazione, tuttavia c'è bisogno di parecchio tempo a disposizione per lasciar marinare e cuocere per bene il brasato, oltre che di un ottimo vino e di carne di qualità.

Categoria: Carne

1 kg circa di carne (il macellaio di fiducia saprà consigliarvi quella più indicata)
1 bottiglia di vino rosso corposo
invecchiato al punto giusto
- 3 carote
- 3 cipolle
- 2 spicchi d’aglio
- 4 gambi di sedano
- spezie a piacere (chiodi di garofano
pepe nero
bacche di ginepro
ecc.)
- erbe aromatiche anch’esse a piacere
legate a formare un mazzolino mediante del filo da cucina (alloro
rosmarino
salvia e timo)
- olio extravergine d’oliva q.b.
- burro q.b.
- sale e pepe q.b.

Preparazione

 

La prima, importantissima fase della preparazione è quella della marinatura.
Dopo aver lavato accuratamente le verdure e averle tagliate a tocchetti, mettetele in un contenitore assieme alle spezie e alle erbe aromatiche: mescolate, salate il tutto secondo il vostro gusto personale e aggiungete la carne.
Infine versate il vino, coprite con un coperchio e lasciate marinare per almeno dodici ore durante questo tempo tenete il contenitore in un ambiente fresco e asciutto, se però in casa fa molto caldo, è preferibile lasciar marinare il brasato in frigo.

Passato il tempo della marinatura, la carne va scolata e le verdure tritate in pezzettini ancora più piccoli da mettere a soffriggere in padella con un filo di olio e burro, quando la cipolla sarà imbiondita, nella stessa padella mettete a soffriggere anche la carne che va fatta rosolare per qualche minuto a fiamma viva.
In un contenitore a parte, invece, filtrare il resto del condimento a base di vino della marinatura e versatelo nella padella: regolate il fuoco, abbassando la fiamma, coprite col solito coperchio e lasciate cuocere a lungo, minimo per un paio d’ore.
Più tempo passerà in marinatura oppure sui fornelli, più la carne sarà tenera e saporita, quindi non abbiate fretta: il brasato al vino è un piatto da realizzare solo quando si ha del tempo da dedicare alla cucina, o in ogni caso va preparato con parecchio anticipo.
Quando saranno passate un paio d’ore, spegnete il fuoco, prelevate le verdure con un colino, mettetele nel frullatore e frullate fino a ottenere un composto omogeneo che andrete a versare nuovamente nella padella con la carne.
Proseguite la cottura per un’ora o più: il tempo dipende in parte dalla grandezza del pezzo di carne, in parte dalla sua durezza, per quanto riguarda il sale, invece, di tanto in tanto assaggiate le verdure e regolate secondo il vostro gusto.

Consigli

In cottura vale sempre la regola per cui è meglio mettere meno sale e aggiungerlo in seguito, se nonostante ciò il sughetto risultasse salato, stemperate con un po’ d’acqua tiepida e lasciate evaporare qualche minuto senza coperchio. Una volta pronto, il brasato va servito caldo, a fette: ogni fetta va ricoperta con la salsina di cottura.

Vino da abbinare

Come vino l'ideale è un vino rosso, preferibilmente un Barolo, che si sposa benissimo con la carne.

Ti è piaciuta la ricetta?