3 ricette della cucina greca

La cucina greca presenta una grande varietà di piatti per soddisfare tutti i palati.
Tre dei piatti più rappresentativi di questa nazione sono la moussaka, lo tzatziki e la baklava.
La moussaka viene servita spesso come piatto unico in quanto è un piatto molto sostanzioso a base degli alimenti tipici della cucina greca cioè la carne d'agnello, le melanzane e il formaggio. Per preparare questo piatto è necessario prima di tutto lasciar riposare le melanzane, tagliate a rondelle di un centimetro e cosparse di sale grosso in modo che espellano il loro liquido. Scaldiamo dell'olio in una padella, facciamo appassire della cipolla tritata, dell'aglio e uniamo la carne di agnello, lasciamola rosolare per bene e aggiungiamo pomodoro, sale, pepe e cannella, facendo cuocere per 45 minuti. Nel mentre in un'altra padella scaldiamo dell'olio e friggiamo le melanzane, lasciandole poi raffreddare per una decina di minuti. Ora imburriamo una pirofila, versiamo metà delle melanzane, poi la carne, copriamo con le rimanenti melanzane, poi con la besciamella e un po' di pecorino: inforniamo il tutto per 45 minuti a 190 gradi e serviamo calda tagliandola a rettangoli.
Una seconda ricetta tipica greca è lo tzatziki, una salsa a base di cetriolo e yogurt utilizzata per accompagnare molti piatti. La preparazione è davvero veloce e pratica: grattugiamo il cetriolo, lasciando la buccia, poniamolo in un colino per 1 ora per far colare il liquido e poi strizziamolo. Nel frattempo tritiamo l'aglio, pestandolo magari in un mortaio, e aggiungiamolo ai cetrioli e allo yogurt. A ciò aggiungiamo, versandoli alternati, dell'olio e dell'aceto, mescolando il tutto, meglio se con una frusta, e aggiustando di sale e aggiungendo dell'aneto. Questa salsa accompagna i piatti di carne, le insalate ma soprattutto i pyta gyros, delle specie di "piadine" riempite con pollo, cipolle e peperoni rosolati insieme in padella, conditi proprio con dello tzatziki.
La baklava è un dolce molto diffuso nelle aree con influsso turco e arabo con diverse varianti: questa la ricetta diffusa in Grecia. Per il dolce servono mandorle e noci tritate, cannella in polvere, pasta sfoglia, chiodi di garofano tritati, per lo sciroppo invece necessitiamo burro, zucchero, acqua, miele, succo di limone e vaniglia.
La preparazione è più facile di quanto sembri: mescoliamo in una ciotola noci e mandorle tritate, i chiodi di garofano e la cannella, sciogliamo del burro e imburriamo una teglia rettangolare. Tiriamo la pasta sfoglia sino a farla diventare sottilissima (ne necessitiamo almeno dieci fogli), poniamo 3 fogli nella teglia e copriamo con il ripieno, mettiamo altri 3 fogli e di nuovo il ripieno, fino a terminare ripieno e sfoglia. Tagliamo il dolce a quadri,versiamo sopra il burro fuso e inforniamo in forno preriscaldato a 200 gradi finché la sfoglia non sia dorata. Nel frattempo mettiamo tutti gli ingredienti per lo sciroppo in un pentolino, portiamo ad ebollizione e lasciamo bollire per 10 minuti al massimo e versiamolo sul baklava ancora caldo appena tolto dal forno, serviamo caldo!

Ti è piaciuta la ricetta?